Azistrap


Donatella Versace - italents

Corsi e ricorsi della moda: Versace e Cavalli

C’era un tempo in cui la trasgressione era appannaggio esclusivo di Versace, simbolo di sex appeal, femminilità, sfrontatezza...

Le scollature al limite del pudore, la maglia di metallo, l’opulenza dei ricami, le stampe, le citazioni, l’arte, i drappeggi e i pepli ispirati all’antica Roma ed esaltati dalle falcate feline della pantera nera e dai corpi statuari delle top model, hanno segnato un’epoca gloriosa della moda cancellata in un colpo solo dalla morte di Gianni, ucciso a Miami davanti alla sua casa... una tragedia che ha rappresentato una battuta d’arresto nell’ascesa della griffe della medusa aprendo un varco a Roberto Cavalli, stilista famoso fino a quel momento per i suoi jeans iperdecorati, la pelle, le stampe ispirate alla natura, agli animali, ai fondali marini.

Non c'era donna di spettacolo che, negli anni d’oro di Porto Cervo, non volesse indossare le sue sottovesti di seta stropicciata con bikini coordinati e a bordo dei panfili miliardari in Sardegna, a Cavallo o a Saint Tropez, la divisa “Cavalli” era d’ordinanza... una mania collettiva amplificata da sfilate evento, jet set modaiolo internazionale, un clima di euforia alimentato dal circo di lacchè e presenzialisti che orientano e cavalcano ciclicamente i fenomeni mediatici.

Che dire? Dopo che Roberto Cavalli ha venduto il marchio, della griffe, francamente non se ne parla più...

E guardando le immagini dell’ultimo concerto di Beyoncé con i costumi Versace o il ritorno prepotente delle stampe iconiche rilanciate da Donatella, non ho potuto fare a meno di pensare: corsi e ricorsi storici...

La moda, fenomeno superficiale per definizione, esalta e dimentica in fretta, crea e distrugge miti che solo il tempo e la storia valuteranno per quello che sono stati e hanno rappresentato...

Io ho conosciuto bene e apprezzato Roberto Cavalli e Donatella Versace.

Li considero amici, li stimo entrambi e mi limito a raccontare quello che ho vissuto... luci e ombre come in tutte le storie del made in Italy.

 

Mariella Milani

Share

Galleria immagini